Finale Angri-San Marzano, dove si gioca? Botta e risposta tra i club - I AM CALCIO SALERNO

Finale Angri-San Marzano, dove si gioca? Botta e risposta tra i club

Novi
Novi
SalernoEccellenza

Angri e San Marzano si sfideranno per l'ennesima volta e così come negli altri precedenti riparte il tormentone relativo alla sede della partita. Il tormentone stadio ha accompagnato i due club per tutta la stagione: nell'ultimo match la soluzione fu individuata nel Gobbato di Pomigliano.

Intanto le due società hanno preso pubblicamente posizione.

Comunicato Us Angri - 

Un paradosso senza fine in una annata sportiva destinata a passare alla storia per una vicenda anomala che il destino continua a mantenere in essere, giocando quasi d’azzardo con la pazienza di una comunità che oltre al risultato sportivo deve autoimporsi un comportamento civile nell’attesa che le istituzioni decidano per nome e per conto di chi ha investito capitali, sogni e speranze insieme alla passione di un’intera città. Nella giornata di ieri il presidente Armando Lanzione ha interessato il sindaco Cosimo Ferraioli di una problematica che sta andando avanti da mesi e che è destinata a chiudere la stagione dei grigiorossi.

“Ieri, nella mia qualità di presidente dell’ Unione Sportiva Angri 1927, ho scritto il Sindaco Ferraioli per informarlo che la nostra prima squadra cittadina ha conquistato la finale play-off nazionale, che le consentirà di giocarsi la promozione diretta alla categoria superiore del campionato di Serie D.

Per uno strano format e da una serie di coincidenze balorde, la nostra squadra sarà ancora una volta opposta al San Marzano Calcio, squadra che utilizza permanentemente la struttura dello stadio comunale Novi sia per gli allenamenti, che per le partite casalinghe.

In questa annata calcistica il nostro club si è confrontato già quattro volte con il San Marzano Calcio ed in ognuna di tali occasioni la partita è stata attenzionata dalla Questura e dal Prefetto di Salerno, che hanno rilevato l’anomalia di tale situazione deducendone problemi di ordine pubblico, che hanno di volta in volta comportato la chiusura dello stadio al pubblico angrese.

Tali problematiche sono poi aggravate dalla circostanza sconveniente che lo stadio Novi di Angri non è provvisto di una adeguato settore ospiti la cui capienza è di appena 100 posti, contingente che in via preventiva si appalesa chiaramente insufficiente.

Se si tiene conto che nell’ultima gara disputata la società del San Marzano aveva avanzato una richiesta di ben 500 tagliandi per consentire alla sua tifoseria di poter assistere alla gara con l’Unione sportiva Angri 1927. A ciò si deve aggiungere che a chiusura disposta in data 20.3.2022 dello stadio Novi da parte delle autorità rendeva necessaria una corsa estenuante per trovare in pochissimo tempo una nuova struttura disponibile, che fu poi individuata nello Stadio Comunale Gobbato di Pomigliano d’Arco, dove poi effettivamente fu disposta la gara alla presenza di entrambe le tifoserie.

Ordunque per evitare le suddette problematiche nel contempo scongiurare un nuovo provvedimento di chiusura dello stadio nuovi che potrebbe essere a questo punto ampiamente prevedibile così comportando il pericolo concreto che l’incontro di calcio, tanto atteso in città, sia disputato senza la presenza del pubblico locale.

Ho chiesto un cordiale tempestivo intervento per quanto di competenza”.

E mentre la società attende che il sindaco Ferraioli informi del suo operato, lo stadio Novi viene utilizzato dalla squadra che sarà avversaria dei grigiorossi domenica prossima; Angri che vede calpestato il proprio campo di calcio in attesa di capire quali decisioni prenderanno gli organi istituzionali per nome e per conto di un’intera città che si è stancata di aspettare.

Comunicato San Marzano -

Il San Marzano Calcio intende fare chiarezza in merito alle voci circolate nelle ultime ore relativamente alla disputa della finale play-off nazionale contro l’Angri. La società intende sottolineare da parte sua la piena volontà e disponibilità a giocare allo stadio Pasquale Novi la gara d’andata - in programma domenica 12 giugno p.v. -, rispettando in toto le disposizioni vigenti relative alla capienza massima del settore Ospiti. Pertanto, non sarà inoltrata alcuna richiesta di tagliandi superiore al numero massimo di spettatori previsti nel settore Ospiti.Confidiamo nella serena disputa dell'incontro di calcio, convinti che si potrà assistere a una giornata in cui si parli appunto solo di calcio senza altri problemi di carattere extra-sportivo. In tal senso, ci prodigheremo con tutte le nostre forze affinché non ci sia affluenza allo stadio di nostri sostenitori sprovvisti di regolare tagliando di ingresso.

La Redazione