San Marzano stoppato dal Salernum: sfida in parità - I AM CALCIO SALERNO

San Marzano stoppato dal Salernum: sfida in parità

Foto: Asd Salernum
Foto: Asd Salernum
SalernoEccellenza Girone C

Il San Marzano non riesce a perforare il bunker del Salernum Baronissi, fermandosi sullo 0-0 al Giannantonio Figliolia. I blaugrana, nettamente sottotono in prima linea, non trovano spazi nella difesa a oltranza proposta dagli irnini, tornando a casa con un punto che non è certo un bicchiere mezzo pieno.

La cronaca. Il Salernum Baronissi scende in campo con il 4-5-1, piazzando Raviello in marcatura a uomo sul regista ospite Matute. Sul fronte opposto, Pirozzi si affida in prima linea a Camara, Meloni e Marotta, ma è il solo francese a mettersi in evidenza nel corso del match.

Al 5’ Velotti svetta sugli sviluppi di un corner, ma la sfera finisce alta. Al 10’ l’unica conclusione del Salernum nell’arco dell’intera gara: l’autore è il difensore Lonigro ma non inquadra la porta. Il cronometro compie ben 24 giri prima di ritrovare azioni degne di nota.

Al 35’ triangolo Camara-Meloni-Tranchino, la difesa di casa si rifugia in angolo. Ci prova lo stesso Camara con un’azione personale al 38’, trovando Tesoniero a chiudergli lo specchio. Poi nel finale due chance ghiottissime, sprecate incredibilmente dal San Marzano.

Al 44’ Meloni scatta sul filo del fuorigioco, entra in area ma cincischia troppo favorendo l’uscita del portiere. Al 47’ Matute se ne va in slalom in area di rigore, supera Tesoniero ma trova Grimbaum sulla linea di porta a negargli la gioia del gol.

Al 14’ Camara si propone ancora bene a sinistra, ma sul cross basso Rizzo conclude debolmente. Sul proseguimento dell’azione, nessun calciatore del San Marzano trova lo spunto giusto su traversone dal fronte destro.

Il Salernum serra ulteriormente le fila ed è bravo anche a far scorrere il cronometro provando ad addormentare il match. Al 30’ su angolo di Marotta svetta De Bellis ma la palla esce di un soffio. Al 33’ Marotta chiama Tesoniero alla deviazione in corner su punizione e sull’angolo seguente l’estremo di casa è ancora decisivo.

Il forcing finale produce solo tiri dalla bandierina per il San Marzano, puntualmente ricacciato fuori dall’area dagli interventi degli atleti di casa. Dopo 5’ minuti di recupero, il signor Bassoli di Monza manda le squadre negli spogliatoi e a festeggiare è solo il Salernum Baronissi.

SALERNUM BARONISSI (4-5-1): Tesoniero; De Simone, Grimbaum, Lonigro, De Gregorio; Romano (21’ st Matarese), Fall, Izzo, Raviello (24’ st Bucciero), Santonicola (34’ st Di Ruocco); Marrocco (39’ st Zoppino). A disposizione: Cibelli, Ruggiero, Reuevers, Colonna, Nije. Allenatore: Calabrese (squalificato, in panchina Saracco).

SAN MARZANO (4-3-3): Palladino; Fernando (8’ st Rizzo), De Bellis, Velotti, Dentice; La Montagna, Matute, Tranchino (21’ st Maiorano); Marotta (36’ st Infimo), Meloni, Camara. A disposizione: Pedace, Franza, Caso, Chiariello, Falanga, Cesarano. Allenatore: Pirozzi.

ARBITRO: Bassoli (Monza). Assistenti: Nicodemo (Sapri) e Ceriello (Nola).

NOTE. Spettatori 150 circa. Ammoniti: De Simone (Sal), De Gregorio (Sal), Lonigro (Sal), Tesoniero (Sal) e Gallo (mass. Sal). Calci d’angolo: 1-11. Recupero: 3’ pt; 5’ st.

Ufficio stampa San Marzano - Giuliano Pisciotta

La Redazione