Marco ed Eleonora Calderoni raccontano la loro quarantena - I AM CALCIO SALERNO

Marco ed Eleonora Calderoni raccontano la loro quarantena

Marco Calderoni
Marco Calderoni
LecceSerie A

Il gruppo Facebook #SpacchiliLecceMia ha intervista Marco ed Eleonora Calderoni, il terzino del Lecce e la sua compagna si sono raccontati, intervistati da Diego Rizzo e Luca Manna, e hanno svelato un po' della loro vita privata e di come stanno stanno passando la quarantena.

Come si sono conosciuti? A raccontarlo è lei:

Marco è un uomo di molte parole devo dire(ride). Ci siamo visti la prima volta in pizzeria a Grosseto poi da lì siamo andati a ballare, finito l'anno calcistico abbiamo continuato a scriverci su Facebook. Poi una nostra amica ci ha fatto incontrare e da lì è nato tutto.

Il difensore giallorosso ha poi spiegato come sta trascorrendo la sua quarantena che lo costringe a stare lontano dai campi di calcio:

Io mi sto allenando tutti i giorni, sono riuscito a prendere il tapis roulant, poi ho qualche peso, ci arrangiamo con quello che abbiamo. La cosa più difficile è distrarre Tommaso(il loro figlio), passiamo tanto tempo con lui. Poi Eleonora si sta dedicando alla cucina e quindi assaggiamo i suoi piatti. In questo periodo vivi molto di più la famiglia, io a casa mi trovo bene, però c'è anche tanta voglia di tornare a giocare.

Dalle domande scopriamo come entrambi preferiscano l'adriatico, mentre a tavola lei preferisce il pesce e lui predilige la carne. Anche sui prodotti tipici salentini la coppia si divide lei sposa il pasticciotto, lui preferisce il rustico. Amano lo stesso film che è Quasi Amici. Un difetto di Marco? È testardo, il pregio invece è che è tanto buono. Con il figlio il più rigoroso è lui, mentre lei è più apprensiva. E se Tommaso decidesse di seguire le orme del padre? Marco non glielo impedirebbe: 

"Lui adesso è attratto dal calcio, ma sarà libero di fare la sua scelta, qualunque strada sceglierà l'importante è che faccia qualcosa che lo appassiona".

Il  sogno del terzino giallorosso resta la nazionale: "I sogni sono belli perché difficili da raggiungere, bisogna sempre prefissarsi degli obiettivi alti. C'è tanto da lavorare". Infine scopriamo come sia saltato il loro matrimonio che è stato rimandato al 2021,i due hanno scelto di sposarsi a Lecce.

Infine sulla ripresa del campionato chiude proprio Eleonora che non è molto d'accordo con la possibilità di un ritiro lungo per portare a termine la stagione:

"Va bene che rinizino a giocare, però in generale mi sembra che stare lontano tre mesi dalla famiglia mi sembra troppo. Bisogna anche considerare l'aspetto mentale di una persona che è già stato chiuso in casa due mesi e poi deve andare in un ritiro, in stanza da solo per altri tre mesi. Bisogna sempre pensare che dietro che un calciatore è anche una persona".

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE Serie A