Coronavirus-Italia 17.660 casi e 1.266 morti. Bollettino del 13 marzo - I AM CALCIO SALERNO

Coronavirus-Italia 17.660 casi e 1.266 morti. Bollettino del 13 marzo

Coronavirus dati 13 maggio
Coronavirus dati 13 maggio
LecceAltri Mondi

Nuovo aggiornamento quotidiano per quanto riguarda l'epidemia di Coronavirus in Italia. I dati delle ore 18.00 del 13 marzo 2020, forniti dalla Protezione Civile. A comunicarli il Capo della stessa, Angelo Borrelli.

I DATI IN ITALIA - In Italia da quando è iniziata l'epidemia di Coronavirus, sono 17.660 le persone che hanno contratto il Virus, 2.116 nuovi infetti in più rispetto al dato di ieri. Di queste 1.266 sono decedute con un incremento di 250 rispetto a 24 ore fa e 1.439 sono guarite(+181 rispetto a ieri). Attualmente i soggetti positivi, quindi esclusi decessi e guarigioni, sono 14.955.

I DATI NEL MONDO - In Cina nelle ultime 24 ore si sono contati solo 8 casi, in diminuzione giorno dopo giorno. Anche in Corea Del Sud i contagi diminuiscono giorno dopo giorno, nelle ultime 24 ore registrati 110 casi che portano il totale a 7.979. L'Iran ha registrato 1.300 casi, superano quota 11 mila contagiati. La Spagna ha dichiarato lo stato di allerta dopo che nelle ultime 24 ore si sono verificati 1.188 nuovi contagiati. Intanto la Francia ha deciso la chiusura di tutte le scuole, in Germania si è fermata la Bundesliga, mentre nel Regno Unito non si sono prese particolari precauzioni.

SPORT - Come già detto la Germania ha fermato il suo campionato, mentre l'UEFA ha deciso per la sospensione sia della Champions League che dell'Europa League(leggi qui). Anche la FIFA ha preso le sue precauzioni annullando i match di qualificazione per Qatar 2022 previsti in Sudamerica(leggi qui). L'Inghilterra ha scelto di rinviare a data da destinarsi le amichevoli previste con Italia e Danimarca a fine marzo, oltre ad aver sospeso la Premier League. La Formula 1, dopo il rinvio del primo GP della stagione, ha deciso di posticipare l'inizio dell competizione per fine maggio.

DECRETO ECONOMICO - Probabilmente il decreto economico non verrà approvato questa sera dal Consiglio dei Ministri, ma slitterà a domani o comunque in tempo per entrare in vigore da lunedì 16 marzo. Le misure dovrebbero essere quelle già annunciate che vanno dalla Cassa integrazione allargata a tutti i settori al congedo parentale per i genitori che devono accudire un figlio, previsto un rinvio delle scadenze delle tasse e forse uno sconto sulle bollette. Il documento dovrebbe essere composto da oltre 120 pagine e per questo sta richiedendo più tempo per la sua stesura.

Matteo Pagano