Errori arbitrali a ripetizione: l'Alfaterna medita il ritiro del club - I AM CALCIO SALERNO

Errori arbitrali a ripetizione: l'Alfaterna medita il ritiro del club

Alfaterna
Alfaterna
SalernoEccellenza Girone B

La A.S.D. ALFATERNA è suo malgrado, ancora una volta, costretta a fare i conti con episodi di impreparazione - volendo essere “morbidi” nel giudizio - della classe arbitrale del girone B di Eccellenza.

Il riferimento è chiarissimo: lo scandaloso annullamento del gol del pareggio nella gara di sabato 2 novembre contro la Costa d’Amalfi, per un fuorigioco ravvisato esclusivamente dal secondo assistente, signor Trotta della sezione AIA di Nocera Inferiore.

Nei giorni scorsi la nostra società si è recata negli uffici della Lnd Campania, presentando un dossier relativo a diversi altri episodi, chiedendo esclusivamente rispetto da parte della classe arbitrale. Per tutta risposta, viene designato a dirigere la nostra gara un arbitro che, nelle scorse settimane, si era reso protagonista di un episodio a dir poco scandaloso nel corso della gara tra Casoria e Albanova (girone A di Eccellenza): il plateale errore tecnico della mancata espulsione di un calciatore per doppia ammonizione.

Un arbitro che, sabato pomeriggio, avrebbe avuto la facoltà e il dovere di correggere la decisione del suo secondo collaboratore, essendo piazzato a non più di 4 metri dalla posizione di partenza del portiere Benevento sul calcio di punizione di Della Femmina.

E la conferma arriva dalle immagini video registrate dalle testate giornalistiche “TeleSpazio1”, “Zero a Zero” e “UserTV” (qui di seguito il link alle immagini relative all’episodio: https://www.facebook.com/zeroazero.it/videos/497163427556653/).

Nulla quaestio sulla irrilevanza delle immagini nel trattamento di questioni disciplinari. Ciò che vogliamo sottolineare è l’ennesima decisione arbitrale che ci penalizza, pur sottolineando i meriti dei nostri avversari per quanto espresso nel corso dell’incontro disputato sabato scorso allo stadio “Pasquale Novi” di Angri.

Sappiamo di essere una matricola del girone B di Eccellenza e di dover sudare le proverbiali sette camicie per poter centrare l’obiettivo salvezza. Ma vorremmo farlo a parità di condizioni con le nostre avversarie. Insomma, giocarcela esclusivamente sul campo, senza dover far fronte pure a decisioni arbitrali che rendono ancora più in salita il nostro cammino sportivo.

A fronte di una situazione del genere, dopo una riunione tra presidente, dirigenza e tesserati, la società Asd Alfaterna sta valutando l’ipotesi di ritiro della squadra dal campionato. Una decisione sofferta, ma volta esclusivamente a tutelare i sacrifici economici, professionali e sportivi di un intero club che, dal presidente al magazziniere, scende in campo settimanalmente per onorare la propria passione per uno sport che, purtroppo, spesso viene penalizzato dall’approssimazione di una classe arbitrale che, in aggiunta, preferisce troppo spesso la supponenza e la presunzione a ogni forma di dialogo che, di sicuro, contribuirebbe a una crescita sana del movimento del calcio dilettantistico in Campania.

Il Presidente

Raffaele Stella

La Redazione