San Marzano, addio di mister Sgambati: "Qui mi sono sentito a casa"

Sgambati
Sgambati

Le strade del San Marzano e di mister Sgambati si separano ufficialmente. Dopo un'ottima annata, in cui la neopromossa ha raggiunto i playoff, si interrompe il rapporto professionale tra il club e il tecnico.

Attraverso i canali ufficiali della società, l'allenatore ha salutato così la piazza:

" Si è da poco concluso un anno calcistico intenso, duro, ricco di gioie e di qualche inevitabile dispiacere; a mente più che lucida è mia intenzione condividere queste poche, ma sentite righe con tutti voi.

San Marzano e i colori di questa città sono e resteranno nel mio cuore.

Ho vissuto istanti stupendi e momenti difficili, sentendomi però sempre a casa, sempre uno di voi, circondato da amici e da società sportiva che poi si è rivelata essere una grandissima famiglia, fatta di tante centinaia di persone stupende che tifano e sempre tiferanno per questa maglia.

È con entusiasmo, passione e fame di vincere che ho accettato di cimentarmi nella sfida di una squadra neopromossa e davvero "giovane" che affrontava per la prima volta un campionato di promozione.È stata una scelta per nulla semplice, ma che rifarei senza pensarci su due volte.

Oggi però la mia strada professionale prosegue verso un’altra direzione. La vita di un allenatore di calcio, di chi ha deciso di vivere questo sport a pieno, comporta spesso decisioni difficili e dolorose. Tuttavia i cambiamenti fanno parte di questo mestiere e vanno accettati per quello che rappresentano, niente di più, niente di meno.Ciò che però non muta e non può cambiare, per forza di cose, è l’affetto immenso per la città, per la maglia, per i tifosi, per il San Marzano Calcio.

Vorrei ringraziare tutti voi, uno ad uno; ringrazio la società in tutte le sue componenti.Vi saluto con un appello: continuare su questa strada, perseverare su quanto di buono è stato fatto. È cosi che si costruiscono le vittorie più belle, degne di memoria e destinate ad essere ricordate negli anni.

In bocca al lupo a tutti, forza San Marzano!"

La Redazione