Palermo. Stellone: "Contro il Benevento convinti di poter vincere" - I AM CALCIO SALERNO

Palermo. Stellone: "Contro il Benevento convinti di poter vincere"

Mister R. Stellone, Palermo
Mister R. Stellone, Palermo
BeneventoSerie B

Mister Stellone, come il suo collega Bucchi del Benevento, ha parlato quest'oggi alla vigilia del match tra il Palermo ed il giallorossi. Queste le parole del tecnico dei siciliani:

"Il Benevento è una squadra forte che, come noi, era una delle candidate alla promozione diretta. Hanno avuto periodi più o meno positivi e arrivano dalla vittoria di Perugia. Hanno un ottimo allenatore e sanno giocare bene la palla; inoltre hanno cambiato diverse volte il modulo di gioco. Li affronteremo pensando che possiamo batterli: le gare sono spesso decise da episodi, ci vorranno grinta e determinazione. Dobbiamo avere massima concentrazione altrimenti si rischia di fare una brutta partita ma sono convinto che risponderemo bene sotto questo aspetto.

E’ una partita da "tripla" che loro proveranno a vincere. Non dobbiamo pensare di avere due risultati su tre a nostro favore perché se ci mettiamo a fare calcoli diventa difficile ottenere il massimo. Se vincessimo varrebbe molto anche a livello morale. 

Falletti sta bene ma potrebbe non giocare dal 1'. Ultimamente tutti stanno dimostrando le loro qualità. Da ora in poi i ragazzi devono mettere da parte le presenze: oggi conta solo il gruppo e l’io deve essere messo da parte. Se a qualcuno non starà bene ne pagherà le conseguenze, cosa che finora non è mai accaduta. Abbiamo una rosa importante e di conseguenza chi resta fuori non sarà mai contento.

Veniamo da una vittoria importante contro una squadra forte come il Verona ma se cali anche solo un secondo ti puoi ritrovare in un momento difficile come quello prima della gara contro i gialloblu. Serve una prova di squadra da parte di tutti coloro che giocheranno e anche da parte di chi starà in panchina. Sono molto fiducioso.

Ci siamo allenati bene con l'entusiasmo che ti da l'aver vinto una partita importante ma consapevoli che non abbiamo ancora fatto nulla. Mancano diverse gare al termine del campionato, sappiamo che vince la squadra che ha più testa e più gambe. Abbiamo recuperato quasi tutti e ci avviciniamo a questo rush finale con la giusta condizione fisica e con la corretta mentalità.

Cessione club? La situazione è questa dall’inizio della stagione e credo che il periodo più brutto sia passato, ora non ci pensiamo nemmeno. Rispetto a due mesi fa siamo sereni e il nostro obiettivo è solo la Serie A.

Nel girone di ritorno non siamo riusciti a chiudere subito le gare, al contrario dell'andata quando c’eravamo riusciti spesso. Capita anche perché gli attaccanti sono stanchi nei minuti finali e non arrivano freschi alle conclusioni: tirare in porta 20/22 volte è tanto e vedere che hai fatto solo un gol non è bene. Manca quel pizzico di rabbia in più per chiuderla, perché sappiamo che nei minuti finali la squadra che perde si butta in avanti per provare a pareggiarla. Una cosa che dobbiamo migliorare perché può capitare di essere beffati nel recupero compromettendo prestazioni ottime”.

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:PALERMO BENEVENTO Serie B