Calciomercato LIVE

Cavese, focus centrocampo: certezze, delusioni e una sorpresa

Foto: Massimo Laragione
Foto: Massimo Laragione

Il centrocampo della Cavese ha garantito a Bitetto tante soluzioni sia in fase d'attacco che di copertura, permettendo al tecnico di supportare il tridente offensivo e di fare filtro avanti alla difesa. Gol, assist e una discreta qualità di gioco, mostrata soprattutto nel girone d'andata: merito di un reparto costruito sulle diverse caratteristiche dei centrocampisti aquilotti.

Al centro del campo un padrone assoluto: Stefano Manzo. Tra i migliori in stagione, è arrivato a Cava con la nomea dell'incontrista, ma nel corso del campionato ha dimostrato tutta la sua qualità nell'impostazione del gioco e la capacità di essere decisivo in fase realizzativa con ben 5 gol (da sottolineare la doppietta nella gara di Potenza).

Il suo fido compagno di reparto è stato Massimo: anche per lui quantità e qualità e ben 7 reti realizzate. Fondamentali i suoi inserimenti, specie contro le squadre che tendevano a chiudersi a riccio marcando a uomo gli attaccanti.

Accanto ai due pilastri della linea mediana si sono visti diversi calciatori. Pur non essendo un centrocampista puro, ha svolto il ruolo di mezz'ala per tante partite Fella. Impiegato a inizio campionato come ala offensiva era finito nel mirino della critica ma con il passare delle giornate ha alzato sempre di più il livello delle sue prestazioni. In molte gare la sua velocità e i suoi inserimenti si sono rivelati decisivi. E' stato il secondo miglior marcatore stagionale della Cavese con addirittura 11 gol segnati, molti di pregevole fattura. Notevole il progresso da inizio a fine stagione: una vera sorpresa.

L'under che ha avuto più minutaggio a centrocampo è stato Logoluso. Positiva la sua stagione, meglio nella prima parte di campionato quando ha potuto esprimersi con più continuità, mentre nel girone di ritorno ha dato il suo contributo entrando spesso a gara in corso. Poco spazio per gli altri due under Mincione e Turmalaj che si erano ritagliati i propri spazi a inizio stagione per poi perdersi nella lunga panchina dei biancoblu.

C'è stata anche qualche piccola delusione legata al rendimento dei due centrocampista di maggior esperienza: Iannini e Favasuli.

La seconda esperienza cavese di Favasuli è stata condizionata dagli infortuni e dalla concorrenza che non gli hanno permesso di entrare in  piena forma: ha però concluso il campionato con una grande gara contro il Taranto dando prova di solidità e personalità. 

Dopo qualche settimana di preparazione, Iannini si è preso il posto da titolare a centrocampo. I mesi lontani dal campo di gioco e qualche problema muscolare non gli hanno permesso di esprimersi al meglio delle sue qualità, anche se a sprazzi si è notata la sua tecnica superiore alla media.

Daniele Luciano