Calciomercato LIVE

Cavese, focus difesa: il giusto mix tra under e over

Cavese
Cavese

La difesa e la fase difensiva della squadra di Bitetto sono stati senza dubbio dei punti di forza della Cavese: appena 31 gol subiti in 34 partite, solo il Potenza ne ha subite meno (28). Fondamentale è stato il mix tra i giovani e gli over, frutto del lavoro sul mercato del ds Sergio e sul campo dell'allenatore. 

Le prestazioni del pacchetto arretrato sono migliorate nell'arco della stagione: nel corso dell'annata sportiva sono cambiati più volte sia gli uomini schierati che la disposizione tattica degli stessi.

I perni sono stati due: Lame e D'Alterio. Il primo, giunto quasi a fine mercato estivo, è arrivato in prestito da Bisceglie senza troppi clamori. Già dalle prime gare si è notata la sua personalità e la sua sicurezza nonostante la giovane età, quasi un under mascherato, vista anche la prestanza fisica. Decisivo anche l'apporto dell'altro centrale, il capitano: qualità, esperienza e capacità di impostare il gioco. Perfettamente complementari, Lame e D'Alterio hanno composto probabilmente la miglior coppia di centrali del girone.

Anche Fabbro è stato impiegato per numerose partite: l'esperto difensore ha messo a disposizione le sue capacità soprattutto nella fase centrale del torneo, quando Bitetto ha optato per la difesa a 3, e nel finale di stagione, dopo l'addio di D'Alterio.

Sugli esterni grande qualità e diverse opzioni, tutte sfruttate al momento giusto. Carotenuto è stato il terzino che ha collezionato più presenze ed è stato anche  tra i migliori in assoluto, sbagliando praticamente solo la gara di Taranto. Condizionata dagli infortuni, invece, la stagione di Marino: l'esterno sinistro è partito benissimo con un avvio più che positivo; un problema muscolare lo ha tenuto lontano dal campo per qualche mese, ma quando è tornato a pieno regime ha rivelato nuovamente la sua affidabilità. Una coppia di terzini under da fare invidia.

Gorzegno è stato impiegato sia da esterno che da centrale: inizio di stagione condizionato da qualche problema muscolare, poi ha dato un ottimo contributo alla squadra in termini di duttilità ed esperienza, segnando anche due gol (importantissimo quello segnato a Sarno).

Garofalo è arrivato nel mercato di riparazione dopo lo svincolo dalla Paganese: dopo un esordio non proprio indimenticabile, si è ritagliato il suo spazio offrendo buone prestazioni soprattutto in fase di spinta offensiva. Anche Frezzi è arrivato in corso d'opera: Bitetto lo ha schierato sia da terzo centrale che da esterno destro. Due acquisti che hanno puntellato la rosa.

Hanno iniziato la stagione a Cava per poi salutare a dicembre Parpinel e Trezza: per loro minutaggio troppo ridotto per darne un giudizio.

-

Daniele Luciano