Alfaterna e Angri impattano sul 2-2: la cronaca della gara

Foto: Gianfranco Lari
Foto: Gianfranco Lari
- 20675 letture

Partita a porte chiusa quella che va in scena allo stadio comunale Karol Wojtyla di Nocera Superiore tra l’Alfaterna e l’Angri 1927 valevole per la terza giornata del campionato di Promozione – Girone D.

Gara maschia che si decide nei primi quarantacinque con il terzo pareggio consecutivo per la squadra nocerina guidata da Mister Sellitti.

Sellitti non cambia e manda in campo l’undici titolare con il suo 4-2-3-1 con i giovani Genco e Ruocco dal primo minuto mentre Arnese resta in panchina. In attacco sempre Montella. Gli risponde con un 3-4-3 il mister angrese Gargiulo un modulo questo che difficilmente si vede in queste categoria. L’Angri oltre ad avere giovani promettenti si affida ad uomini di esperienza quali Del Nunzio, Quaranta, Cipolletta tanto per citarne alcuni mentre in panchina siede lo “storico” Fabio D’Antuono.

Pronti, via! La prima azione è dell’Angri oggi in completa tenuta bianca ma Coticella finisce in fuorigioco. La partita è intesa e lo si percepisce già dai primi minuti. Tre azioni consecutive dei rossoneri nocerini che portano al tiro prima Montella, poi Ruocco ed infine Cavezza, ma i tiri troppo deboli sono preda del portiere Passaro. Azione confusa in area Alfaterna e l’Angri grazie a Coticella al 5° minuto del primo tempo passa in vantaggio. Goal un po’ fortunoso. L’Alfaterna non si scompone.

Qualcuno pensa ad una goleada dell’Angri qui allo stadio di Nocera Superiore ma si era sbagliato di grosso. Calcio d’angolo alla sinistra del portiere dell’Angri. Batte Buonfiglio e Angona spedisce di testa la palla in rete. Al 7° minuto siamo di nuovo in parità. Le squadre si affrontano a muso duro ma c’è grande correttezza in campo. Il mister Gargiulo, squalificato, guida i suoi dalla tribuna ed un tiro di Quaranta al 12° termina fuori.

L’Angri adesso esercita una maggiore pressione tant’è che gli attaccanti finiscono spesso in fuorigioco. L’arbitro giudica falloso un intervento di Pascale su Acanfora. Due angoli consecutivi per i “bianchi” che non producono effetti. Si rivede dalle parti di Passaro l’Alfaterna che con Buonfiglio impegna non eccessivamente Passaro, a dire il vero non molto sicuro nei suoi interventi.

Su una azione di rimessa Baleotto passa la sfera a Pascale che controlla male, ed in area commette fallo. Ammonizione per Pascale e calcio di rigore per l’Angri. Sul dischetto Cipolletta che batte alla destra di Benevento che intuisce ma non trattiene. Al 25° Angri nuovamente in vantaggio.Molta densità di gioco a centrocampo con l’Angri che vuole a tutti i costi chiudere la partita mentre la squadre nocerina ribatte colpo su colpo. Tiro di Pascale al 34° fuori. Segue la stessa sorte al 41° il tiro di Coticella.

Prima dello scadere l’Alfaterna guadagna un angolo. Batte Buonfiglio e Angona ribadisce ancora in rete. Grande indecisione del portiere Passaro. Siamo ora sul 2 a 2 con un strepitoso Angona che si è fatto trovare ancora pronto su tocco delizioso di Buonfiglio. Due minuti di recupero e l’arbitro fischia la fine del primo tempo.

Al via il secondo tempo dove l’Angri prima con Narciso che viene ammonito e poi con Sarno su Genco approccia in maniera molto fallosa. Buon tiro al 50° di Buonfiglio che termina fuori. Gargiulo inizia i cambi e mette dentro Chierchia al posto di Sarno. Bella azione al 54° di Buonfiglio che entra in area ma l’arbitro lo ammonisce e gli fischia simulazione. Decisione al quanto dubbia.

L’Angri questa partita la vuole vincere a tutti i costi e mette dentro l’esperto Fabio D’Antonio per un evanescente Quaranta. Pressione nocerina che produce un angolo non sfruttato. Al 68° finisce sul taccuino Coticella. Sellitti mette dentro l’esperienza di Cirillo togliendo uno stanco Buonfiglio e passa ad un 4-4-2 con i due attaccanti Cirillo e Montella. La mossa non sortisce effetto e quindi Sellitti ritorna al modulo orginario. Fuori Montella e dentro Torre al 76°. Azione confusa dell’Angri e Cipolletta finisce in fuorigioco.

Forze fresche per i rossoneri. Esce l’ottimo Ruocco ed entra Gaudiero. Girandola di sostituzioni interrotte solo da un tiro di D’Antonio che finisce fuori. Iodice rileva Miranda per l’Angri, mentre Arnese sostituisce il “goleador” di oggi Angona. Anche Torre sul taccuino dell’arbitro che assegna cinque minuti di recupero che diventano sette per un intervento falloso su Genco che viene sostituito da Santonicola. Il risultato non cambia.

L’Alfaterna conquista il suo terzo pareggio consecutivo mentre l’Angri venuto a Nocera cercando di prendersi l’intera posta deve accontentarsi di un pareggio.La squadra di Sellitti è un cantiere in costruzione dove c’è volontà di puntare sui giovani coadiuvati dall’esperienza di pedine insostituibili. L’Angri dal canto suo ha un’ottima squadra, messa bene in campo da Gargiulo ma ha troppo individualità e poco gioco collettivo. Siamo solo alla terza giornata ed il campionato è ancora lungo. Peccato che incontri come questi debbano svolgersi a porte chiuse.

TABELLINO

ALFATERNA: Benevento, Mansi, Genco, Pascale, Angona, Baleotto, Cavezza, Ragone, Ruocco, Buonfiglio, Montella. (a disp. Caso, Arnese, Torre, Imparato, Santonicola, Gaudiero, Cirillo)All. Sellitti.

ANGRI 1927: Passaro, Loreto, Sarno, Minauda, Galeone, Del Nunzio, Quaranta, Coticella, Acanfora, Cipolletta, Narciso. (a disp. Somma, Barone, D’Antonio V., Chierchia, Iovine, Verziero, D’Antonio F.)All. Gargiulo

Arbitro: Antonio Savino (Torre Annunziata), Assistenti: Pasquale Sorrentino (Castellammare di Stabia), Mauro Panico (Nola)Spettatori : partita a porte chiuse

Reti: 5° pt. Coticella (ANG), 7° pt. Angona (A), 24° pt Cipolletta su rig. (ANG), 45° pt Angona (A)

Ammoniti: Pascale, Arnese, Buonfiglio, Santonicola (Alfaterna), Passaro, Minauda, Coticella (Angri)

Ufficio Stampa Alfaterna - Gianfranco Lari

La Redazione